Vent’anni di Parco Nazionale in mostra a Roma

Sarà inaugurata oggi, presso la sala URP del Corpo Forestale dello Stato a Roma, la mostra fotografica sul Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena promossa dalla Società Geografica Italiana e dall’Ente Parco, con il sostegno della Fondazione UniVerde. La mostra, dal titolo “Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena. Vent’anni: così giovane eppure così ricco!”, inaugurata alla vigilia della Giornata Mondiale per la lotta alla Desertificazione e alla Siccità (17 giugno) è stata promossa per unirsi ai festeggiamenti per il ventennale dell’istituzione del Parco e sarà esposta fino al 16 settembre (Giornata Internazionale per la protezione della fascia di Ozono). La rassegna sarà composta da una selezione di scatti che hanno partecipato alle prime quattro edizioni del concorso fotografico-ambientale “Obiettivo Terra” istituito per valorizzare la bellezze dei parchi regionali e nazionali italiani. Dopo il saluto di Nicolò Giordano, Vice Questore Aggiunto Forestale del Corpo Forestale dello Stato, interverrà Simone Bozzato, Segretario Generale della Società Geografica Italiana, Giuseppe Bonanno, Presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, Giuseppe Garibaldi, Presidente Istituto Internazionale di Studi “Giuseppe Garibaldi” a chiudere Fulco Pratesi, Presidente Onorario WWF Italia. «Celebrare con questa mostra a Roma i vent’anni del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena è un modo per ricordare a tutto il paese, il percorso di tutela e di educazione ai valori della biodiversità che in questi anni ha visto protagonista l’Arcipelago di La Maddalena – sottolinea il Presidente Giuseppe Bonanno – Ringraziamo la Società Geografica Italiana e la Fondazione Univerde per l’attenzione che hanno dedicato al Parco, costruendo un’occasione importante di visibilità per il nostro territorio: le immagini del nostro territorio faranno bella mostra di se per due mesi in pieno centro di Roma»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook